0 – italiano

Dichiarazione-Impegno per il popolo Greco-Luglio 2016

5a Conferenza di EPAM-Dichiarazione-Impegno per il popolo Greco-Luglio 2016

La Fronte Popolare Unita (EPAM) 

Tenendo conto:

A. Le disposizioni della Costituzione Greca del 1975, in vigore ed, in particolare: gli Articoli 1 (verso 1), 110 (verso 3), 50 e 120 (versi 3 e 4), che tutelano la principio democratico, l’Articolo 1 (versi 2 e 3), con i quali si sancisce il principio della sovranità popolare, l’Articolo 51 (verso 3) sul diritto di voto, l’Articolo 52 che garantisce la libera espressione e genuina volontà popolare, l’Articolo 29 sul riconoscimento dei Partiti politici,

B. Le disposizioni Costituzionali che sanciscono come obbligo primario dello Stato di rispettare e proteggere la dignità umana, Articolo 2 (verso 1), e la salvaguardia dello Stato Sociale, Articolo 25 (verso 1),

e constatando che:

(more…)

Comunicato del Coordinamento europeo anti euro

ελληνικάfrançais, deutschEspanol(castellano)Espanol(catalán)italiano

Il Coordinamento europeo anti-euro riunisce i rappresentanti di Germania, Austria, Spagna, Francia (Partito d’emancipazione del popolo), Grecia e Italia.

Parigi, 22 gennaio 2016

PER UN PIANO B IN EUROPA DALLA A ALLA Z…

Piani B fioriscono da Parigi a Madrid passando per Berlino. Ma A, B o C, quali sono davvero le intenzioni politiche degli organizzatori di questi dibattiti?

A. Gli organizzatori del dibattito Per un piano B in Europa, che si tiene a Parigi il 23 gennaio hanno riunito un gruppo di relatori le cui posizioni sono lontane dall’essere comuni. Quelli come Oscar Lafontaine, isolato in seno alla Die Linke – che caldeggia l’uscita dall’euro da diversi mesi almeno – o com (more…)

Proposta dell’ EPAM (Fronte popolare unito) per mettere fine agli annegamenti di gente innocente

ελληνικά  /  english

cropped-epam-english-482x180.jpg

Dichiarazione

Mentre l’UE finge di occuparsi quotidianamente del tema dei rifugiati tramite riunioni al vertice e costruzioni di muraglie, ogni giorno uomini, donne e bambini innocenti continuano a morire annegati nel Mar Egeo. Il loro unico scopo è quello di vivere lontano dalla guerra in uno Stato che dia loro  sicurezza. Allo stesso stesso momento, il governo greco versa lacrime false e con  parole vuote partecipa al massacro nel medesimo teatro. La Turchia permette liberamente e senza il minimo ostacolo l’ azione dei trafficanti di esseri umani , portando in questo modo a morte certa  centinaia di rifugiati.

L’EPAM propone l’adozione delle misure seguenti con l’obbiettivo di mettere fine a quest’ondata di morti : (more…)

“Quando non riconosci un debito ingiusto non è default ma è una liberazione”.

«Το να μην αναγνωρίσεις ένα αθέμιτο χρέος δεν είναι χρεοκοπία, αλλά απελευθέρωση»

Συνέντευξη του Δημήτρη Καζάκη στο “Antidiplomatico”

Quando non riconosci un debito ingiusto non è default ma è una liberazione.

L’Antidiplomatico intervista Dimitris Kazakis (EPAM): “Sarebbe auspicabile un’alleanza dei movimenti e dei popoli del sud Europa con l’obiettivo della rottura dell’eurozona” (more…)

L’ultimo comunicato dalla Segreteria del movimento EPAM prima che la Grecia “sparisca”

Το ΕΠΑΜ προειδοποιεί για τον κίνδυνο αφανισμού της Ελλάδας

Nell’ ultimo comunicato della segreteria del Movimento greco Epam (Fronte popolare unito) si chiedono 5 misure immediate per impedire che la Grecia “sparisca”

“La Grecia sta attraversando il periodo più difficile della sua storia contemporanea e in questo momento è a rischio la sua esistenza. Con un governo di pericolosi traditori, con un Parlamento inesistente che non prende in considerazione la decisione che il popolo greco ha espresso, con un’Europa che chiede che la Grecia e il suo popolo vadano in ipoteca, per darle ulteriori prestiti e per applicare un programma che farà sparire le cittadine e i cittadini greci, l’EPAM chiede:

1. il ritiro immediato della delegazione greca dalle negoziazioni dopo aver denunciato l’Accordo di Prestito del maggio 2010, in merito agli artt 48-52 della Convenzione di Vienna sui Trattati internazionali.
2. l’interruzione di rapporti diplomatici con Germani e Finlandia.
3. l’uscita della Grecia dall’ eurozona.
4. l’applicazione e realizzazione dell’art 120 della Costituzione [che prevede che la democrazia e il rispetto della Costituzione viene affidata al popolo greco il quale ha il diritto e il dovere di salvaguardarlo]
5. la realizzazione da parte di tutti i cittadini greci di disobbedienza civile rifiutando di pagare qualsiasi tassa”.
(traduzione Marina Voudouri)